13 Istanza accertamento compatibilità paesaggistica - Comune di Bonate Sopra (BG)

Uffici Comunali | Edilizia, Urbanistica, Ambiente | Modulistica area tecnica 2 | 13 Istanza accertamento compatibilità paesaggistica - Comune di Bonate Sopra (BG)

Istanza di Accertamento di compatibilità paesaggistica

 

L’attività edilizia che si riferisca ad immobili soggetti a vincolo paesaggistico ed alla disciplina del Decreto Legislativo n. 42 del 22/01/2004 e s.m.i. deve essere corredata dalla necessaria autorizzazione paesaggistica, nei casi indicati dalla normativa nazionale e regionale vigente. L'accertamento di compatibilità paesaggistica è previsto dai commi 4 e 5 dell'art.167 del citato D.Lgs. 42/2004 al fine di verificare la compatibilità di alcuni interventi edilizi realizzati in assenza o difformità dall'autorizzazione rilasciata. La possibilità di sanare opere realizzate senza titolo, in campo di tutela paesaggistica, si limita agli interventi che non abbiano comportato aumenti volumetrici o di superfici utili, interventi manutentivi, interventi che abbiano comportato l'impiego di materiali difformi da quelli previsti dall'autorizzazione paesaggistica.

 

Documentazione richiesta per la presentazione dell'istanza: Per la documentazione da allegare all'istanza occorre fare riferimento all'apposito modulo di domanda che fornisce tutte le indicazioni necessarie.

 

Modello istanza di compatibilità paesaggistica  

 

Pagamenti: Insieme alla domanda sono da pagare i diritti di segreteria  (vedasi apposita sezione).

 

Iter del procedimento: L'Amministrazione comunale ha 180 giorni di tempo per valutare la domanda ed esprimersi, previo parere vincolante espresso dalla competente Sovrintendenza, da assumere entro 90 giorni dalla richiesta. Qualora venga accertata la compatibilità paesaggistica, il trasgressore è tenuto al pagamento di una somma equivalente al maggiore importo tra il danno arrecato ed il profitto conseguito mediante la trasgressione. L'importo della sanzione è determinato previa perizia di stima. In caso di rigetto della domanda si applica la sanzione demolitoria e la rimessa in pristino

 

Normativa di riferimento: Decreto legislativo 22/01/2004, n. 42 - Decreto legislativo 01/01/2006, n. 157 - articolo 30 del Regolamento edilizio 

Pubblicato il 
Aggiornato il 
Risultato (161 valutazioni)