Indirizzi per orari di apertura e chiusura esercizi di vendita al dettaglio - Comune di Bonate Sopra (BG)

Uffici Comunali | Commercio e Artigianato | Indirizzi per orari di apertura e chiusura esercizi di vendita al dettaglio - Comune di Bonate Sopra (BG)

IL SINDACO

Richiamata la deliberazione del C.C. n. 52 del 20.12.2004, dichiarata immediatamente eseguibile, con la quale sono stati approvati gli indirizzi per il coordinamento, da parte del Sindaco, degli orari di apertura e di chiusura al pubblico degli esercizi di vendita al dettaglio;

Visto l'art. 11 del d.lgs. 31.03.1998 n. 114 e l'art. 5 bis della legge regionale 19.10.2004 n. 128;

Visto l'art. 50, comma 7, del T.U.E.L che prevede che il Sindaco coordina ed organizza, sulla base degli indirizzi espressi dal Consiglio Comunale, e nell'ambito dei criteri eventualmente indicati dalla Regione, gli orari degli esercizi commerciali, dei pubblici esercizi e dei servizi pubblici;

Ritenuto, altresì, opportuno individuare le otto domeniche o festività nel corso dell'anno 2005 i cui è possibile derogare all'obbligo di chiusura domenicale o festiva;


ORDINA


Adottare i seguenti criteri per la disciplina degli orari di apertura e chiusura al pubblico degli esercizi di vendita al dettaglio:

  1. ORARIO GIORNALIERO:

    Determinare l'orario di vendita in massimo tredici ore giornaliere da determinarsi da parte dell'esercente. Gli esercenti possono estendere nei giorni feriali la fascia oraria di apertura e di chiusura al pubblico tra le ore 5 e le ore 24, fermo restando il limite delle tredici ore giornaliere di apertura.


  2. CHIUSURA INFRASETTIMANALE

    La mezza giornata di chiusura infrasettimanale è facoltativa.


  3. CARTELLO ORARIO

    E' fatto obbligo a tutti gli esercenti di rendere noto al pubblico l'orario di effettiva apertura e chiusura del proprio esercizio mediante cartelli o altri mezzi idonei di informazione. Il cartello indicatore dell'orario deve comunque essere sempre mantenuto ben visibile all'esterno.


  4. CHIUSURE DOMENICALI E FESTIVE

    Osservare la chiusura domenicale e festiva salvo:

    a) in caso di due festività consecutive gli esercizi del settore alimentare possono effettuare l'apertura durante la prima festività fino alle ore 13;

    b) in caso di tre o più festività consecutive gli esercizi del settore alimentare devono effettuare l'apertura durante la prima festività per una fascia oraria di quattro ore da scegliersi, a discrezione dell'esercente, tra le ore 7.00 e le ore 13.00, con facoltà di apertura per l'intera giornata;

    c) durante il mese di dicembre, nelle giornate domenicali e festive, è consentita l'apertura di tutti gli esercizi con lo stesso orario prescelto per i giorni non festivi;

    d) è consentita l'apertura facoltativa di tutti gli esercizi commerciali nelle seguenti otto domeniche o festività nel corso dell'anno 2005 e precisamente:

    • 16 gennaio 2005;

    • 6 febbraio 2005;

    • 17 aprile 2005;

    • 29 maggio 2005;

    • la domenica successiva all'inizio dei saldi estivi;

    • 30 ottobre 2005;

    • 20 novembre 2005;

    • 27 novembre 2005.


  5. APERTURA NOTTURNA DEGLI ESERCIZI COMMERCIALI

    Non è prevista la possibilità di apertura notturna.


  6. ATTIVITA' MISTE

    Quando l'esercizio commerciale svolge congiuntamente la vendita dei prodotti dei due settori alimentare e non alimentare, devono essere osservate le disposizioni per il settore prevalente.

    Il carattere di prevalenza è determinato dall'esercente e deve essere comunicato all'Ufficio Commercio che si riserva di modificarlo in caso di risultanze difformi da quanto dichiarato dall'esercente.

    Ai sensi dell'art. 13, comma 5, della L.R. 23.07.1999 n. 14, si considerano attività di vendita svolte in maniera prevalente quelle che occupano non meno dell'80% della superficie di vendita effettivamente utilizzata.

    Nel caso in cui nell'esercizio commerciale siano svolte congiuntamente altre attività di vendita o di servizio, soggette ad altre autorizzazioni (somministrazione alimenti e bevande, vendita di generi di monopolio, di giornali, di carburanti, di attività artigianali e simili), nelle ore e nei giorni in cui è stabilita la chiusura degli esercizi commerciali, deve essere sospesa la vendita dei generi relativi all'attività commerciale.


  7. SFERA DI APPLICAZIONE

    Le disposizioni vigenti in materia di orari e di aperture domenicali e festive si applicano alle attività di vendita al dettaglio ed alle attività in cui la vendita è presente anche se effettuata in modo non continuativo o non prevalente, comprese le attività di vendita effettuate dai produttori e dagli artigiani in luoghi diversi dai locali di produzione o a questi adiacenti.

    Le disposizioni del presente provvedimento non si applicano, invece, alle seguenti tipologie di attività qualora esse siano svolte in maniera esclusiva e prevalente:

    1. Le rivendite di generi di monopolio;

    2. Gli esercizi di vendita interni ai campeggi, ai villaggi ed ai complessi turistico - alberghieri;

    3. Gli esercizi di vendita al dettaglio situati nelle aree di servizio lungo le autostrade, nelle stazioni ferroviarie, marittime ed aeroportuali;

    4. Le rivendite di giornali;

    5. Le gelaterie e gastronomie;

    6. Le rosticcerie e le pasticcerie;

    7. Gli esercizi specializzati nella vendita di bevande, fiori, piante e articoli di giardinaggio, mobili, libri dischi, nastri magnetici, musicassette, videocassette, opere d'arte, oggetti d'antiquariato, stampe cartoline, articoli da ricordo e artigianato locale, nonché le stazioni di servizio autostradali, qualora le attività previste dal presente articolo siano svolte in maniera esclusiva e prevalente, e le sale cinematografiche.


SANZIONI

Le violazioni al presente provvedimento sono sanzionate ai sensi dell'art. 22 del d.lgs. 114/98.


Pubblicato il 
Aggiornato il 
Risultato (146 valutazioni)